Accedi al tuo Profilo

Nome Utente *
Password *

Il ruolo essenziale degli ormoni nella regolazione del sonno

In media, il corpo ha bisogno di 7-8 ore di sonno per potersi rigenerare. Nell'organismo umano avvengono processi che dipendono dai orari del giorno e che, tra l'altro, supportano il ciclo sonno-veglia. C'è una ghiandola delle dimensioni di un pisello nel cervello. Si chiama ghiandola pineale o ipofisi. La sera, con l'inizio del crepuscolo, la retina riceve segnali luminosi differenti rispetto a quelli del giorno. Questo è uno stimolo naturale che induce la ghiandola pineale ad aumentare la produzione dell'ormone del sonno, la melatonina. L'ormone ci rende stanchi e più tardi nella notte avvia la fase di sonno profondo. Il picco della secrezione di melatonina è di solito tra le 2:00 e le 4:00. La produzione diminuisce all'alba e rimane bassa durante il giorno. Il corpo rilascia quindi più cortisolo, l'ormone dello stress. La secrezione di cortisolo è massima subito dopo il risveglio al mattino presto. Quindi la concentrazione di cortisolo aumenta dal 50% al 150% segnalando all'organismo che la fase di riposo della notte è terminata e possiamo iniziare attivamente il nuovo giorno. L'ormone del sonno viene sempre prodotto al buio, indipendentemente dal fatto che si dorma o meno. Pertanto, di notte si è spesso stanchi e disorientati e si commettono errori più facilmente. Dalle quattro in poi viene rilasciato anche il cortisolo. Quando si lavora a turni, questo può portare le persone ad avere difficoltà ad addormentarsi dopo il lavoro al mattino.

Johann G.


Calendario Corsi

Aprile   2024
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
Banner290x290